Libero arbitrio vs Destino… o Libertà?

Molti coloro che si avvicinano al messaggio della non dualità restano perplessi all’affermazione che non esista un libero arbitrio individuale. Il fatto è semplice: non esiste in un universo mosso da una Unica Coscienza un individuo separato che abbia libero arbitrio. Non può esistere perchè non esiste in realtà l’individuo, ma solo l’Uno.

Questa affermazione scatena spesso reazione e dibattito perché l’accettazione dell’assenza di libero arbitrio viene interpretata come se ci fosse a quel punto un Destino che muove ogni cosa e di cui siamo vittime più o meno consapevoli.

Ma così come non c’è libero arbitrio individuale non c’è neppure destino individuale… c’è solo Vita! Vita che non sa nulla di questi dibattiti e accade comunque in modo del tutto innocente. Questo istante non sa nulla delle idee che si hanno su di esso… è innocente! Accade e basta, senza aspettativa o attesa. Accade, così come piove o scende la neve  e non ci si domanda chi sia l’autore di quell’azione.

A chi interessa dunque la questione del libero arbitrio?  A colui che pensa di possederlo o teme di non averne.
Da cosa vuoi essere libero, in cosa vuoi essere libero? Questo è il punto. La libertà che cerchiamo non è nella vita, ma DALLA Vita. 

Il fatto è che la Vita accade, al di là di preferenze, opinioni o emozioni. Non gira attorno a noi. Si dispiega un istante alla volta, un fotogramma alla volta. Non torna, ma cambia. E in questo incanta, nel suo non ripertersi, nel suo esistere per un momento e poi non essere più. Ecco perché è preziosa. 

Pensieri, sensazioni, emozioni accadono e fanno parte della Vita. Non li si sceglie, succedono, e quando accadono subito dopo si afferma che siano nostri, che li abbiamo decisi noi. Eppure un istante prima che apparissero nella Coscienza non esistevano neppure e solo un istante dopo che sono apparsi diciamo “l’ho pensato io, l’ho sentito io, l’ho deciso io”. Quel pensiero che viene DOPO è l’ego, quel pensiero che dice “l’ho fatto io”. Chi pensa quando pensi? Tu? Ma quel pensiero è già lì quando reclami come tuo, e lo stesso vale per emozioni e azioni… Non li scegli, non scegli nulla… anche le scelte accadono, i pensieri accadono, le emozioni accadono. La Vita accade. Quel pensiero egoico è la misura della sofferenza ancora presente e che nasce dal credere di essere l’autore di azioni, pensieri ed emozioni che viviamo. Non viviamo, siamo vissuti! Questa è Libertà!

E’ un Libertà già attuale perchè non siamo neppure prigionieri di quel pensiero che è l’ego. Anche quel pensiero egoico passa come una nuvola nel tuo cielo. Certamente il suo passare abituale, il suo ritornare dà l’idea che tu esista, che tu persista… che tu continui nel tempo come un personaggio che decide nella vita cosa fare, cosa sentire, cosa pensare. Il che, di fatto, non è vero.  Quel pensiero che sia cosi’ è solo una nuvola frequente da cui tu, cielo, sei incantato.

Libertà quindi non è per quel personaggio che crediamo di interpretare, ma che è è solo parte del dispiegarsi della Vita stessa. La Libertà sta nel riconoscere che NON siamo questo personaggio chiamato “me”, bensì il testimone e il creatore della Vita. Essa esiste perchè la si testimonia, e il modo in cui essa appare coincide con il modo in cui conosci chi sei. 

La Vita è quindi UNO con la Coscienza stessa, la tua. Non è separata da te. Essa si dispiega non attorno ad un “me” immaginario, ma come perfetta copia istante per istante, con ciò che sei. Nella misura in cui conosci ciò che sei o nella misura in cui ignori quelli che sei. Se vedi che sei il Sognatore di questo Sogno chiamato Esistenza essa lo rifletterà nel suo incanto. Se credi di essere separato invece dalla Vita, di essere in un piccolo corpo di carne e ossa disgiunto dal resto dell’Universo, allora la Vita rifletterà questo. I drammi con cui ti identifichi, tu che sei il Divino, si rifletteranno nella Vita stessa, creando sofferenza.

Sveglia dunque, non sei quello che pensavi di essere. Sei già libero da questi drammi, perché sei il Creatore, non la creatura! Come corpo-mente non hai alcuna libertà, sei un oggetto creato. Ma come ciò che veramente sei, sei già del tutto libero, sei Libertà stessa.

Shakti Caterina Maggi 

1 Comment

  1. Enzo Longo ha detto:

    A volte faccio molta fatica a capirti fino in fondo..

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.