Dissolversi nella vera pace

Buddha figurine and candles on ledge

“E’ solo ciò che è falso che crolla, mentre ciò che è vero resta sempre identico a se stesso. Se è possibile restare presenti di fronte a quel dissolversi, senza reagire, senza tentare di ricostruire la personalità e i suoi schemi.

Ecco che scopri una nuova stabilità, che non si fonda sui compromessi dell’ego, sulle sue strategie, sulle sue compensazioni. Non si fonda su nulla, che non si appoggia a niente e a nessuno, ma su cui ogni cosa si posa, ogni relazione, ogni struttura. La fine di te per ciò che pensi di essere, segna la riscoperta di ciò che veramente sei. Spesso la mente non lascia andare questi schemi facilmente, ma lotta, reagisce, inventa scusa, ci si attacca..

E mantiene questo senso di separazione, fino a che la sofferenza di questo reagire è talmente tanta che lasci andare. O per sfinimento o per amore lasci andare. Questa resa non è qualcosa che la personalità può fare, può agevolare, perché ciò che devi lasciare andare è proprio ciò che immagini di essere. La fine di tutte le illusioni che abbiamo riguardo a questo sogno po’ essere accolta con un benvenuto di tristezza, persino di disperazione. Ma questo sogno ti deve deludere del tutto perché tu possa risvegliati alla tua realtà. E conoscere una pace e una soddisfazione che nessun oggetto della manifestazione ti potrà mai dare.

Lascia che la tua vita quotidiana sia la tua meditazione a occhi aperti.”

Shakti Caterina Maggi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.